C.I.S.E. - Centro per l'Innovazione e lo Sviluppo Economico

C.I.S.E. - Centro per l'Innovazione e lo Sviluppo Economico
Azienda speciale della Camera di Commercio della Romagna - Forlì-Cesena e Rimini

C.so della Repubblica, 5 - 47121 Forlì
T. 0543.713311
F. 0543.713319
www.ciseonweb.it
info@ciseonweb.it

Comunicati stampa

Bando per la concessione di contributi a “Progetti di Promozione dell’Export e internazionalizzazione intelligente” 2^ annualità 2018

Pubblicato il: 09/05/2018



Il Sistema Camerale emiliano-romagnolo e la Regione Emilia-Romagna confermano anche per il 2018 le azioni di sostegno a percorsi di internazionalizzazione per le imprese del territorio

Il Sistema Camerale emiliano-romagnolo e la Regione Emilia-Romagna confermano anche per il 2018 le azioni di sostegno a percorsi di internazionalizzazione per le imprese del territorio con l’obiettivo di rafforzarne le capacità organizzative e manageriali sui mercati esteri, anche con il supporto ad attività di promozione. Prende così il via la seconda edizione del programma “Promozione export e internazionalizzazione intelligente”, approvato dal Mi.S.E. per il triennio 2017-2019 nell’ambito dell’incremento della misura del diritto annuale e condiviso dalla Regione Emilia-Romagna, che prevede la concessione di contributi alle imprese emiliano-romagnole nell’ambito di un apposito bando regionale.
Sono oltre un milione di euro i fondi che la Regione Emilia-Romagna con risorse proprie e le Camere di commercio dell’Emilia-Romagna con risorse derivanti da tale incremento e/o con risorse proprie, destinano per la seconda annualità a tale scopo.
L’internazionalizzazione rappresenta una scelta strategica per le imprese che intendono recitare un ruolo da protagonista. E’ necessario tuttavia che siano sostenute dal territorio sia tramite azioni di sistema, sia prevedendo un’attenta e adeguata attività di pianificazione strategica per razionalizzare e rendere organico l’approccio nei confronti dei mercati esteri.

Progetti di sistema volti ad accrescere le competenze delle imprese in tema di internazionalizzazione con l’obiettivo di supportarle nel loro primo approccio sui mercati esteri o per incrementare le esportazioni condotte finora soltanto in modo occasionale, saranno oggetto del bando regionale per la concessione di contributi a progetti di promozione export e di internazionalizzazione al quale potranno accedere le imprese manifatturiere (classificazione Istat Ateco 2007 - sezione C divisioni dalla 10 alle 33 codice primario e/o secondario), di micro, piccola e media dimensione (MPMD), non esportatrici o esportatrici non abituali, aventi sede legale e/o sede operativa attiva in Emilia-Romagna. Le imprese destinatarie del bando devono inoltre avere un fatturato minimo di € 500.000,00 cosi come desunto dall’ultimo bilancio disponibile.
Il contributo che sarà concesso costituisce un aiuto "de minimis" ai sensi del Regolamento UE 1407/2013.
Il bando sarà aperto dal 31 maggio 2018 e resterà disponibile fino al 2 luglio 2018.
Si inserisce nella strategia progettuale integrata per il triennio 2017-2019 tra Regione, Unioncamere e Camere di commercio dell’Emilia-Romagna per l’internazionalizzazione e l’innovazione del sistema produttivo regionale, nonché nell’ambito della strategia regionale di innovazione per la “Smart Specialisation Strategy” e nel programma pluriennale di internazionalizzazione del sistema produttivo “Emilia-Romagna Go Global 2016-2020”.
Le imprese potranno presentare un solo progetto finalizzato a supportarle sui mercati internazionali avvalendosi di servizi di consulenza esterna.

top

Attività e modalità

La prima attività obbligatoria e vincolante è l’analisi delle capacità e potenzialità dell’impresa per affrontare un percorso di internazionalizzazione, verificando, ad esempio, l’adeguatezza della struttura dell’impresa, la gamma dei prodotti, il materiale commerciale e la fattibilità mediante un’attività di “Assessment”. La prima attività obbligatoria e vincolante è l’analisi delle capacità e potenzialità dell’impresa per affrontare un percorso di internazionalizzazione, verificando, ad esempio, l’adeguatezza della struttura dell’impresa, la gamma dei prodotti, il materiale commerciale e la fattibilità mediante un’attività di “Assessment”. 
I progetti dovranno inoltre prevedere almeno due ulteriori attività, collegate tra di loro:
1. potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera: sviluppo e/o miglioramento del sito Internet dell’impresa in lingua estera; traduzione nella/e lingua/e straniera/e di interesse del proprio materiale promozionale/brochure;
2. protezione del marchio dell’impresa: percorso di ottenimento della protezione e/o registrazione del marchio dell’impresa in uno o entrambi i Paesi di esportazione individuati nel progetto;
3. ottenimento delle certificazioni di prodotto: percorso finalizzato all’ottenimento delle certificazioni di prodotto necessarie all'esportazione in uno o entrambi i Paesi individuati nel progetto (escluse UNI-ISO);
4. T.E.M. Temporary Export Manager e/o T.M.M. Temporary Marketing Manager: percorso di affiancamento all’impresa da parte di un esperto senior in marketing internazionale e/o in comunicazione e web marketing, della durata di minimo quattro mesi, finalizzato a favorire l’implementazione di una strategia commerciale e l'accrescimento delle capacità manageriali dell'impresa. L’esperto senior potrà essere affiancato da una risorsa junior, inserita anche attraverso il ricorso al tirocinio formativo, per un minimo di quattro mesi;
5. partecipazione a massimo due fiere certificate “internazionali” in qualità di espositori nei paesi esteri indicati nel progetto e/o in Italia;
6. realizzazione di un proprio evento promozionale all’estero, con finalità commerciale, in uno dei paesi esteri indicati;
7. partecipazione ad incontri b2b con operatori esteri organizzati in Italia.  
Verrà altresì attribuita una premialità aggiuntiva alle imprese che avranno partecipato, o che si impegnano a partecipare, a un percorso formativo di base per un minimo di 16 ore in tema di internazionalizzazione effettuato attraverso le Camere di commercio dell’Emilia-Romagna e/o le Aziende Speciali delle Camere di commercio dell’Emilia-Romagna o Enti/Organizzazioni del territorio emiliano-romagnolo preposte alla formazione. Al termine di questa fase le Camere di commercio e/o le Aziende Speciali delle Camere di commercio dell’Emilia-Romagna potranno offrire un servizio di “check di autovalutazione assistita”, nonché un documento informativo sul settore di appartenenza dell’impresa.
Il contributo minimo è fissato in 3.000,00 euro (a fronte di spese complessive pari a 6.000,00 euro). 
Il contributo massimo sarà di 15.000,00 euro (a fronte di spese complessive pari a 30.000,00 euro). 
Ogni progetto dovrà essere presentato in modalità telematica attraverso lo sportello virtuale di Unioncamere Emilia Romagna.
Tutte le attività dovranno concludersi entro e non oltre il 29 marzo 2019.

top

Per informazioni

supporto.bandi@rer.camcom.it

top